il phygital talk 2021 di territori e italianità in diretta da uno studio televisivo

Territori e Italianità ha compiuto un anno

Ecco, finalmente, l’editoriale che mancava al blog. Andrea Succi, il nostro direttore editoriale, riprende qui una riflessione (già uscita sul blog del suo sito personale AS Blog) che vuole raccontare Territori e Italianità oltre l’evento del 23 giugno 2021, parlando delle spinte ideali e della filosofia che sottendono l’intero progetto.

Che cos’è, oggi, Territori e Italianità?

Il 23 giugno 2021 l’evento online di Territori e Italianità è arrivato alla sua seconda edizione. Un “phygital talk” in live streaming, una diretta non stop di 11 ore da uno studio televisivo, durante la quale 45 speaker si sono proposti per presentare una serie di temi e argomenti legati alle buone pratiche della loro esperienza professionale di ogni giorno.

ll motto che caratterizza Territori e Italianità è: «L’energia positiva delle azioni, che sta nel fare per pensare». Fedeli a questo, con gli eventi del 23 giugno abbiamo dato voce a una serie di professionisti, imprenditori, manager e molte altre professionalità che ci hanno raccontato quello che hanno fatto, che stanno facendo e, soprattutto, che intendono fare in futuro.

Un propagatore di conoscenza

Nel fare questo, Territori e Italianità si è connotato come un propagatore di conoscenza. Un “think tank“ che racchiude ed esprime concetti propri dell’economia della conoscenza, come raccontata da Enzo Rullani nel volume omonimo (Economia della conoscenza: Creatività e valore nel capitalismo delle reti, 2004, Carocci Editore, Roma). Un modello, quello di Territori e Italianità, che non vuole solo raccontare, ma incidere quale agente operativo del cambiamento, facilitando l’emergere delle energie e dei valori disseminati sui nostri territori.  Ma come può, la conoscenza, produrre valore economico? 

Lo può fare operando su due aspetti fondamentali. In primo luogo, mettendo in luce le particolarità e le differenze tra gli operatori. Non solo la loro capacità di essere innovativi, ma anche il coraggio di dimostrare originalità e una ben precisa identità. Questo significa, in ultima analisi, disporre di una fiducia comunicativa. Essere differenti, però,  non è sufficiente. Indispensabile è anche propagare le proprie idee, far emergere le proprie particolarità, moltiplicando la conoscenza. Gli eventi 2020 e 2021 di Territori e Italianità hanno rappresentato un processo di propagazione che non si è esaurito al termine delle due giornate online, ma da quelle è partito, si è esteso e ramificato.

Qual è l’obiettivo di Territori e Italianità?

L’obiettivo è realizzare un ecosistema turistico che vorremmo costruire esattamente sul modello dell’economia della conoscenza. Per fare questo, vogliamo richiamare l’interesse delle diverse professionalità, sia pubbliche sia private, che operano sul campo in tutta Italia, a volte un po’ isolate, per potenziare assieme le opportunità di lavoro nei vari luoghi di appartenenza.

Territori e Italianità esprime la visione di un mondo che riconosce l’interconnessione delle relazioni come valore, da mantenere al centro dell’attenzione e utilizzare quale agente di cambiamento. Il cambiamento è il fattore che alimenta la motivazione, il metodo è il confronto, l’approccio partecipativo è la soluzione.

Se vogliamo racchiudere tutto questo in uno slogan, possiamo parlare di “nicchie globali”. Questo è, a tutti gli effetti, il futuro economico a cui stiamo andando incontro.

L’obiettivo finale, più alto, che Territori e Italianità si propone può ben rappresentare una vera e propria visione ideale della società. Quella di un mondo in cui il “bene comune” rappresenta l’attitudine, la motivazione e l’ispirazione che guida gli esseri umani nel loro agire. Il tutto per perseguire l’intento, assolutamente centrale e necessario, di riportare valore ai nostri territori, intesi come identità sinergiche e modulari. In conclusione, Territori e Italianità si propone come risorsa per generare questo cambiamento e realizzare il mondo che vorremmo.

Territori e Italianità nella pratica di tutti i giorni

Secondo questa visione, la competizione fra operatori turistici deve trasformarsi in collaborazione. Questo processo è già stato avviato tra la prima e la seconda edizione dell’evento on line di Territori e Italianità. Trovando, per far questo, ispirazione in quello che il premio Nobel dell’economia (per i principi matematici della teoria dei giochi) John Nash affermava: «Il miglior risultato si ottiene quando invece ogni componente del gruppo farà ciò che è meglio per sé ma anche per il gruppo”».

Il nostro territorio è una ricchezza, ogni cittadino è una risorsa, ogni visitatore è un’opportunità. È per questo che Territori e Italianità ricava un’ulteriore fonte di ispirazione dall’Agenda 2030 dell’ONU, adottandone 7 obiettivi (gli stessi adottati anche da GMT™) per lo sviluppo sostenibile. Infatti, la sostenibilità è una responsabilità di tutti, non solo degli amministratori pubblici, ma anche e soprattutto di noi imprenditori e professionisti.

I risultati di valore si possono ottenere solo attraverso la competenza, la professionalità e, certamente, un processo di formazione che continui per tutta la vita: una vera e propria “long life learning”. Per questo è importante investire in noi stessi e Territori e Italianità ha come “mission” quella di aiutare tutti noi a farlo.

Ecco perché il sito di Territori e Italianità contiene al suo interno tutti i riferimenti per ottenere formazione e consulenza da un intero team di professionisti, per mantenersi aggiornati con i contenuti del blog Argomenti, per conoscere i progetti, i programmi e i prodotti turistici a cui offre visibilità sulla pagina Realitaly, nell’intento di favorire la nascita di relazioni positive tra i loro ideatori. 

Territori e Italianità e Turismiamo

Territori e Italianità, che ho sviluppato in questo ultimo anno coadiuvato da un affiatato team di collaboratori, è  cresciuto fino a diventare parte di Turismiamo, una “newco” nata da un’idea di Linda Carobbi, Gianmarco Boggio e, naturalmente, mia, Andrea Succi, che integra agricoltura e destination management con le più recenti tecnologie della realtà aumentata.

Concludo l’articolo con una citazione. Un aforisma che mi piace molto e ha caratterizzato, e continuerà a farlo in futuro, i miei anni di lavoro: «Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco» (Confucio).

Andrea Succi
Co-founder e Advisor di Turismiamo
Destination Manager Sardegna East Land
Founder di Territori e Italianità e GMT™

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.