Territori e Italianità si manifesta nel 2020, organizzando un evento online dedicato alla presentazione di progetti turistici nati nelle diverse regioni italiane, raccontati in diretta dalla viva voce dei protagonisti.
Nel 2021 evolve in un evento phygital: 11 ore di diretta televisiva e collegamenti nazionali e internazionali alla scoperta delle nuove frontiere del destination management.

Oggi si presenta come un modello di sviluppo economico che, attraverso il racconto delle esperienze già attive, si propone come agente operativo del cambiamento, allo scopo di facilitare l’emergere delle energie e dei valori disseminati sul nostro territorio.

Obiettivo: richiamare l’interesse delle diverse professionalità che operano, a volte un po’ isolate, in ambito turistico in tutta Italia, per potenziare tutti insieme le opportunità di lavoro nei luoghi di appartenenza.

vision

Immaginiamo un “mondo” capace di riconoscere l’interconnessione delle relazioni come valore fondamentale, da mantenere sempre al centro dell’attenzione comune.
Territori e Italianità si propone come una risorsa indispensabile per generare questo cambiamento.
Territori e Italianità nasce dalla visione di un futuro prossimo in cui il bene comune rappresenti l’attitudine, la motivazione e l’ispirazione in grado di guidare gli esseri umani nel loro agire, e dalla necessità di attivarsi in prima persona per riportare valore alle comunità locali.

mission

L’energia positiva delle azioni, che sta nel fare per pensare. Per contribuire alla realizzazione del mondo che vorremmo, abbiamo costruito un metodo che si traduce in un modello di business tridimensionale e fluido.

rivivi l'evento del 23 giugno 2021 in soli 4'

Carta dei valori e dei comportamenti

Lavoro: vissuto come libertà, passione,e opportunità di crescita.
È la capacità di emozionarsi.

Onestà Intellettuale: espressa con coerenza e integrità.
È la capacità di essere affidabili.

Rispetto: come ascolto e apertura.
È la capacità di armonizzarsi con gli altri.

cassetta degli attrezzi

Un valore: dinamiche dominanti «Il miglior risultato si ottiene quando ogni componente del gruppo fa ciò che è meglio per sé e per il gruppo». (John Nash)

Un principio: frattali Principio geometrico dell’autosimilitudine: si ripete nella stessa forma, allo stesso modo su scale diverse e, dunque, ingrandendo una qualunque sua parte si ottiene una figura simile all’originale.

Un approccio: andragogico «Il modello andragogico è un modello “di processo”, si occupa di fornire procedure e risorse per aiutare i partecipanti ad acquisire autonomamente informazioni e abilità. Favorisce la capacità di apprendimento autodiretto nell’acquisire competenze e richiama la responsabilità alla condivisione». (Malcolm Knowles)

Un modello di apprendimento: ciclo di Kolb  «L’ apprendimento esperienziale è un processo a spirale: esperienza concreta – osservazione riflessiva – concettualizzazione astratta – sperimentazione attiva… che diviene a sua volta esperienza concreta…». (David Kolb)

Un atteggiamento mentale: faccio e capisco «Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco». (Confucio)